Spumante per laurea: perché si usa per festeggiare?

Spumante per laurea: perché si usa per festeggiare?

Se hai partecipato a delle feste di laurea o ad altre celebrazioni per il conseguimento di un bel titolo di studio, probabilmente hai visto che di norma i vini utilizzati per festeggiare sono vini effervescenti come lo spumante o, meno diffusamente, lo champagne. Si tratta di vini che contengono una buona quantità di anidride carbonica – sufficiente per creare tante bollicine – e che consente al tappo di essere sparato verso l’alto quando sottoposto a una discreta sollecitazione, creando il famoso botto e la fuoriuscita della bevanda, se agitata.

Ma per quale motivo si utilizzano gli spumanti per festeggiare la laurea? Perché si stappa una bottiglia effervescente per celebrare il titolo di studio?

Festeggiare la laurea con uno spumante

Festeggiare un buon traguardo stappando una bottiglia di spumante è una tradizione molto radicata nel tempo, perché – secondo quanto sostenevano le credenze – il rumore del botto era in grado di spaventare gli spiriti maligni e le negatività, predisponendo pertanto l’ambiente in modo più beneaugurante.

Ecco dunque che, una volta che la bottiglia viene stappata, si suole applaudire a questo evento.

Il brindisi di laurea con lo spumante

Anche il brindisi che si fa con lo spumante ha la sua simbologia, evolutasi nel corso del tempo fino ad arrivare ai giorni nostri.

Per esempio, nel Medioevo era d’uso far cadere un po' di bevanda nel bicchiere dell’altro, in maniera tale che gli altri commensali fossero certi che la propria bevanda non contenesse alcuna sostanza velenosa. Si trattava di un modo per dimostrare la fiducia reciproca, alimentando così un contesto di armonia tra tutti i commensali.

Questa tradizione si è peraltro prolungata anche ai giorni nostri, pur con qualche variazione. In particolare, piuttosto che versare lo spumante nel bicchiere di altri, se ne lascia cadere qualche goccia con la quale bagnarsi il retro delle orecchie, quale segno beneaugurante.

Il brindisi è invece rimasto quasi immutato nel corso dei tempi, andando a rappresentare un momento molto importante celebrare la giusta armonia tra tutti i commensali. Anche se le usanze legate al brindisi cambiano di Paese in Paese, è difficile trovare un’area del mondo in cui non vi sia comunque l’abitudine di festeggiare qualche buon evento attraverso tale usanza.

Meglio un vino bianco effervescente, ecco per quali altri motivi

Concludiamo infine ricordando che la scelta di un vino chiaro e bianco serve a indicare la chiarezza, la trasparenza e la purezza. Elementi che sono evidentemente graditi nel momento in cui si vuole celebrare il raggiungimento di un ottimo e ambito risultato, come quello della laurea!

A proposito, hai già dato uno sguardo al nostro approfondimento sui vini per laurea?


Leave a comment

Please note, comments must be approved before they are published